domenica, aprile 12, 2020

LA PANDEMIA DI CORONAVIRUS PUO' ESSERE IL GRANDE LIVELLATORE DELLE DISUGUAGLIANZE? di R.Godin

Cercare nella Storia le dinamiche economiche delle pandemie aiuta a capire come potremmo uscirne meglio. L'articolo di "Mediapart" aiuta

Mentre i mercati azionari scendono e la crisi colpisce le aziende, potrebbe sorgere la questione se il coronavirus possa indirettamente, come le grandi pandemie del passato, ridurre le disparità. La risposta è: sarà la politica ad avere l'ultima parola.
Dall'11 marzo l'epidemia di Covid-19 è diventata ufficialmente una pandemia. Quest'ultima si sta diffondendo in un mondo in cui, con rare eccezioni, le disuguaglianze sono aumentate enormemente negli ultimi tempi. Insieme al problema del clima, questa è la sfida principale per il prossimo decennio. Tuttavia, le principali epidemie sono state storicamente potenti forze per la ridistribuzione della ricchezza e la riduzione delle disuguaglianze. Da qui la domanda: il coronavirus può portare a un massiccio riequilibrio e alla fine di ciò che Thomas Piketty chiama l'era del “neo-proprietarismo meritocratico”?
Gli esempi di riequilibri delle ricchezze legati a una pandemia sono presi in prestito da epoche precapitaliste. L'esempio più bello è quello della peste nera del 1347-1348. Nel suo lavoro “The Great Leveler - Violence and the History of Inequality”, pubblicato nel 2017 nelle edizioni dell'Università di Princeton, lo storico conservatore Walter Scheidel descrive a fondo il fenomeno.
Questa terribile epidemia è stata causata da un batterio, Yersinia pestis, che, originario dei confini del deserto del Gobi, si è diffuso attraverso le pulci di ratto in tutta l'Asia. Fu trasportato in Europa nel 1347 da navi genovesi che commerciavano tra l'Italia e la Crimea. In due anni l'epidemia ucciderà tra il 25 e il 45% della popolazione europea. Il salasso sarà così forte che un paese come l'Inghilterra non ritroverà il suo livello di popolazione pre-peste nera che all'inizio del 18 ° secolo, 450 anni dopo, quindi ...
L'effetto di questo salasso demografico sull'economia e sulla disuguaglianza è stato considerevole. Per rendersene conto, bisogna ricordare che l'economia del tempo era in gran parte dominata dall'agricoltura. Il capitale del tempo era in primo luogo la proprietà della terra e anche il lavoro era in gran parte quello della terra. Durante il XII e il XIII secolo, ciò che Jean Gimpel chiamava "la rivoluzione industriale del Medioevo" (migliore accesso all'energia, miglioramento della carrozza a cavalli, nuove tecniche di semina e raccolta) consentiva migliorare le tecniche agricole e aumentare la produttività del capitale fondiario. La popolazione aumentò bruscamente quando la terra fu quindi in grado di nutrire più persone.
All'inizio del XIV secolo, c'era quindi una situazione favorevole per il capitale-terra: la forza-lavoro era abbondante e meno necessaria, quindi molto economica, mentre la terra offriva rendimenti generosi. Le disuguaglianze erano quindi naturalmente elevate. In realtà, la situazione aveva già iniziato a peggiorare per il cambiamento del clima che influiva sui rendimenti e rallentava la crescita della produttività. Tuttavia è il costo del lavoro che si adatta al peggioramento, diminuendo. Nella prima metà del XIV secolo, la situazione delle masse lavoratrici si deteriorò e le disuguaglianze si ampliarono ulteriormente a favore della nobiltà dei proprietari. La peste nera cambierà profondamente questa situazione.
Il forte declino della popolazione crea uno squilibrio immediato a favore del lavoro. La peste non ha influenzato il valore del capitale, la terra. C'è meno lavoro a disposizione per svilupparlo. Troppo capitale, non abbastanza manodopera: il ricavo sulla terra diminuisce e il costo del lavoro aumenta. I salari stanno esplodendo. Al punto che nel 1349, la Corona inglese, nell'ordinanza del Ploughmen, deve ordinare la fissazione dei salari al suo livello del 1346. Un congelamento dei salari che avrà scarso effetto. I calcoli degli economisti indicano infatti un forte aumento dei salari in Europa fino alla metà del XV secolo.
Questo fenomeno ha ridotto la disuguaglianza. Il costo per mantenere la terra diventa più pesante, i profitti dei proprietari diminuiscono. In Inghilterra, Walter Scheidel descrive il fenomeno del declassamento delle classi dei proprietari dopo la peste nera, mentre il rendimento della terra calò dal 30% fino al 50%. Le opere di Guido Alfani riguardanti il calcolo dell’indice Gini (indice che misura la differenza tra il reddito più alto e quello più basso, 1 essendo il massimo livello di disuguaglianza, 0 il minimo) in Piemonte, mostra una caduta dell'indice da 0,45 a 0,31 tra 1300 e 1450, quindi un nuovo aumento con un ritorno 0,45 nel 1650. Il fenomeno si riscontra anche in altre città italiane.
Questa tendenza non è uniformemente regolare. Le classi dirigenti useranno tutti i loro poteri extra-economici per contrastare il fenomeno. Abbiamo menzionato il congelamento dei salari deciso in Inghilterra, ma potremmo aggiungere un aumento delle imposte sul lavoro utilizzate per finanziare le guerre e quindi un reddito aggiuntivo per la nobiltà. Questa politica anti-ridistributiva porterà a disordini: la rivolta di Etienne Marcel in Francia nel 1356, la rivolta dei contadini inglesi nel 1381, il movimento hussita in Boemia e in Germania all'inizio del XV secolo, animato da istanze di egualitarismo sociale. A poco a poco, tuttavia, le élite riprenderanno il controllo, imponendo una contro-ridistribuzione grazie a uno stato assolutista rafforzato, come in Francia, o grazie allo sviluppo della mercificazione della terra come in Inghilterra.
Gli altri esempi proposti da Walter Scheidel, dalla peste Antonina del 2 ° secolo alle epidemie che hanno decimato i nativi del Nuovo Mondo nel 16 ° secolo, seguono lo stesso schema: le devastazioni della forza lavoro a opera delle epidemie sbilanciano il capitale a favore di lavoro. Il capitale si indebolisce e la disuguaglianza si restringe fino a quando nuove forme di controllo del lavoro non possono offrire ai proprietari terrieri un nuovo vantaggio. Walter Scheidel usa questi casi per confermare la sua ipotesi: pace e prosperità sono periodi di disuguaglianza, guerre ed epidemie, momenti di contrazione di quest'ultima. La reazione delle élite non è sempre pacifica, tutt'altro. Piuttosto, sembra che le conseguenze della tragedia dell’epidemia siano all'origine di intense lotte tra gruppi sociali e ideologie contrapposte. E sono queste lotte che determinano quindi il ritorno delle disuguaglianze.
L'ultima parola alla politica
Ma allora, come potrebbe l'attuale pandemia agire sulle disuguaglianze? L'attuale sistema economico è molto diverso da quello della peste nera: il capitale è più diversificato, meno tangibile e il lavoro più mobile. Il motore dell'economia è la circolazione del capitale, non solo l'affitto della terra. Pertanto, in un sistema capitalista, l'abbondanza di capitale non è di per sé un ostacolo alla sua “valutazione”, ma può essere reinvestita o diffusa sui mercati finanziari. Al contrario, il tempo precedente l'emergere del coronavirus ha mostrato che bassi tassi di disoccupazione potrebbero essere accompagnati da una bassa crescita salariale e da una crescente disuguaglianza. Questo è stato il caso degli Stati Uniti, del Regno Unito e della Germania.
Come già accennato, numerosi studi economici hanno dimostrato che l'influenza spagnola del 1918-1919 ha ridotto le entrate del capitale, ma non ha avuto effetti decisivi sulle dinamiche del costo del lavoro. Inoltre, l'esempio è difficile da usare in quanto questa pandemia è stata considerata fra le conseguenze della prima guerra mondiale. Questa ha prodotto, per motivi politici, sia a una contrazione finanziaria per inflazione che a un allargamento dei diritti dei lavoratori. Detto questo, anche in questo caso vediamo che l'effetto diretto delle pandemie sulla disuguaglianza si dissolve spesso nelle politiche che seguono.
Cercare di ottenere un quadro chiaro degli effetti dell'attuale pandemia sulla disuguaglianza è molto difficile per una ragione essenziale: l'impatto complessivo di Covid-19 sulla forza lavoro è ancora sconosciuto. Come nel 1919, potrebbe non essere sufficiente a ridurre le diseguaglianze che si sono venute generando a partire dagli anni 70’. Nel complesso, l'ampliamento delle disuguaglianze può essere spiegato, come sottolinea Thomas Piketty o, più recentemente, Emmanuel Saez e Gabriel Zucman, con una politica molto favorevole ai detentori di capitale. La minore tassazione dei ricchi, la mobilità del capitale, le "riforme strutturali" che danno più potere al capitale rispetto al lavoro e, dal 2008-2009, il sostegno diretto delle banche centrali ai mercati finanziari e immobiliari, sono gli elementi chiave di questo squilibrio che ha portato alla situazione attuale.
Questa pandemia certamente indebolisce brutalmente il capitale e quindi riduce la disuguaglianza. I mercati finanziari stanno scivolando e le catene del valore internazionali sono interrotte. Soprattutto, lo shock della domanda ridurrà la redditività aziendale. Ma anche il mondo del lavoro si sta adeguando con licenziamenti e tagli ai salari. Lo shock sul capitale viene quindi trasmesso al mondo del lavoro, così da compensare in parte il calo delle disuguaglianze, ma il fenomeno è più complesso.
Una volta superata questa fase di crisi, tutto resta da fare. Si potrebbe quindi immaginare che le autorità pubbliche decidano di sostenere la domanda delle famiglie in un ambiente più favorevole per le reti di lavoro e di sicurezza sociale, così da ridurre il riequilibrio che abbiamo appena descritto. Potremmo quindi entrare in un sistema di riduzione delle disuguaglianze in cui lo Stato potrebbe organizzare gli investimenti necessari per compensare il deterioramento del capitale privato.
Il precedente della crisi del 2008 richiede cautela. Se il quadro intellettuale non cambia, in altre parole se il dominio dell'idea secondo cui il solo capitale crea attività e posti di lavoro non viene messo in discussione, le politiche pubbliche avranno, come dopo la crisi dei subprime, l'ambizione di riparare le perdite di capitale, anche a spese del lavoro. È così che la disuguaglianza ha ripreso a salire dopo il 2008, nonostante il forte colpo della crisi. Le politiche fiscali, l'austerità e le riforme strutturali hanno svolto questo ruolo di contrappeso.
Perché, a differenza del tempo della peste nera, il capitale è anche degradato dalle conseguenze economiche della pandemia. Laddove un tempo la terra era rimasta intatta e quindi abbondante, il capitale industriale e, soprattutto il capitale finanziario fittizio, ne sono fortemente colpiti. Pertanto, lo squilibrio non è lo stesso. Oggi il lavoro non diventa necessariamente scarso e l'azione politica può concentrarsi sulla difesa degli interessi del capitale, la famosa "politica di approvvigionamento" che è al centro delle risposte alle emergenze. Allo stesso tempo, le riforme strutturali, che indeboliscono il lavoro, non vengono messe in discussione proprio nel nome di questa politica di approvvigionamento. In breve, le politiche disuguali sopra descritte sono difficilmente messe in discussione, ma al contrario possono emergere rafforzate dalla crisi.
Da “Mediapart”, 15 marzo 2020, tradotto da me