NOVITA'
latest

468x60

header-ad

mercoledì, luglio 21, 2010

RICORSI: ECCO DA DOVE COMINCIANO I GUAI!

Alle origini della taroccatura delle liste
Come promesso, sono andato alla ricerca dei post dell'anno scorso nei quali raccontavo in diretta delle sedute notturne del Consiglio regionale, bloccato dall'ostruzionismo dei consiglieri poi assurti all'onore delle cronache.
Prima di linkarli, me li sono riletti e mi sono incazzato un'altra volta. Prima con gli ostruzionisti, poi con i mieI amici centrosinistri che pensano che la politica deve sempre mediare, anche quando sarebbe meglio di no.
Poi con me stesso... perché avrei dovuto mettermi per traverso usando gli stessi metodi della banda dei 4 e invece non l'ho fatto per rispetto. Anche altre volte le cose sono andate così e per lealtà verso la maggioranza ho rinunciato a far valere idee e proposte in cui credevo: che cantonata!
Ma questa è un'altra storia. Leggete, se volete, delle origini delle liste taroccate di oggi.
Notti in Regione: diario di uno spreco
Notti in Regione 2: diario di uno spreco
Notti in regione 3: diario di uno spreco
« PREV
NEXT »

4 commenti

  1. In tutta questa faccenda triste ci hanno rimesso per ora solo i piemontesi, con un anno di politica del nulla trascorsa tra annunci e fiaccolate (pardon dimenticavo l'urgente norma per la liberalizzazione delle gare fuoristradistiche sul territorio regionale! Chiedo venia!). Ho sentito allucinanti discorsi sui tempi di ammortamento delle cene elettorali dei neo eletti e delle loro paure di "perdere" l'investimento...Sarebbe facile dire ora "l'avevo detto" e criticare una certa tendenza cerchiobottista che ai più sembrava solo un modo per non passare come i rompiscatole di turno e blandire i registi delle stanze dei bottoni. Questo è parso agli spettatori del reality di Palazzo Lascaris. E ora con quei personaggi molti nutrono un rapporto lontano e distaccato, come quello che si potrebbe avere con quei tizi semisconosciuti catapultati sull'Isola dei Famosi, simili a questi solo per i compensi fuori da ogni logica e senso della misura. Ovunque questi si barcamenino a droite o a gauche!
    Buona estate
    Fabio

    RispondiElimina
  2. Spiace osservare che hai rinunciato a far valere idee e proposte in cui credevi. Hai fatto malissimo a non farle valere e forse le cose, se tu lo avessi fatto, sarebbero andate in modo totalmente diverso soprattutto per te.Le scelte si pagano!

    RispondiElimina
  3. Caro anonimo, sembri felice di veder confermate le tue previsioni (si vede che sapevi già tutto!)... se è così, ti sta bene!
    Mariano

    RispondiElimina
  4. Non ho mai rinunciato a far valere idee e proposte. L'ho fatto per anni con risultati scarsi, caro "anonimo", e continuo a farlo oggi con più forza di prima. Quando una certa proposta non viene ascoltata,legittimamente per carità, il rispetto per se stessi prevede si impieghino meglio le energie, è una questione di efficienza. Una cosa che ci distingue, caro "Anonimo", è che alla fine quando si scrive un emendamento, si propone un'interrogazione forse lo si fa anche per l'interesse pubblico e non per le proprie vane glorie. Per giunta credo di non aver pagato proprio un bel nulla, sono una persona felice, contrariamente alle tue catastrofistiche proiezioni. Ah, una cosa trascurabile di questi tempi: cerco, sperando di riuscirci, di essere una persona corretta e leale con gli altri oltre che un buon cittadino.
    Saluti
    Fabio

    RispondiElimina