Seguimi su Twitter | Facebook | Scrivimi una E-Mail | Iscriviti al Feed RSS

REFERENDUM SULLA CACCIA: A VOLTE RITORNANO

Fanno finta di nulla, ma il referendum s'ha da fare!

Nei giorni scorsi ho scritto una lettera ai consiglieri regionali e ai presidenti di Giunta (Cota) e Consiglio (Cattaneo) della Regione Piemonte per segnalare loro che in Piemonte si deve tenere finalmente questo benedetto referendum sulla caccia.
Dell'iniziativa e di questa incredibile vicenda da conto un articolo su "Lo Spiffero" (leggi) e i numerosi interventi in merito. Voglio solo ricordare che le firme sono state raccolte 25 anni fa e che la Regione e le associazioni venatorie hanno attuato una tecnica dilatoria attraverso cause infinite per evitare che i cittadini piemontesi potessero pronunciarsi su una drastica riduzione delle specie cacciabili e dei tempi utili a sparare.
Venticinque anni fa, le associazioni ambientaliste raccolsero oltre 60 mila firme per richiedere il referendum. Loro, i cittadini firmatari e anche gli animali, aspettano che finalmente il referendum si faccia. Accorpato agli altri, così non c'è l'alibi dei costi.
Perché stanno tutti facendo finta che il problema non ci sia? Aspetto la vendetta della tipica fauna alpina!
Nei prossimi giorni pubblicherò i documenti e i materiali.



Mariano Turigliatto © 2010 | www.marianoturigliatto.it | Powered by OneBit