Seguimi su Twitter | Facebook | Scrivimi una E-Mail | Iscriviti al Feed RSS

LETTERA A GESU' BAMBINO

Caro Gesù bambino,

anche quest'anno sotto l'albero ci sono dei pacchi che potrò aprire solo la mattina di Natale. Fremo dall'impazienza, ma cerco di controllarmi, bisogna saper gestire i propri istinti. Non bisogna mica fare come quelli che in televisione sbraitano e insultano per impedirci di ascoltare cosa dicono gli altri... e fanno tutto questo mentre i presentatoti gongolano perché fanno audience!
Di pacchi ne abbiamo ricevuti tanti nel corso di quest'anno, dunque non ho particolari paure per il contenuto di quelli che tu mi hai lasciato sotto l'albero e per quelli che ancora mi porterai domani sera tardi.

Desidero tanto alcune cose e voglio provare a chiedertele, magari ti venisse la voglia. Ecco l'elenco:


  1. che le ministre e i ministri che vengono da altri lavori, possano subito tornare alle loro occupazioni originali, che si trattasse di succhiare, o invece di leccare o semplicemente di reggere il moccolo;
  2. che l'Italia abbia finalmente un governo. Va bene uno qualunque, a questo punto, basta che ce ne sia uno.
  3. che i giovani rampanti trovino quell'umiltà e quella modestia che potrebbero renderli un vantaggio per il paese invece che il danno che sono ora.
  4. che Marchionne vada a lavorare in linea, nella stessa squadra dei dirigenti sindacali con cui fa gli accordi e anche con quelli che non firmano. Che si senta raccontare alla gente nello stesso modo in cui lui racconta gli operai,  che ne gioisca, proprio come fanno loro.
  5. che i cafoni abbiano finalmente quello che si meritano.
  6. che i tuoi rappresentanti in terra si dessero una calmata.


Basta così. Per adesso mi contenterei anche solo di questo.

Caro Gesù, tu hai avuto Maria Maddalena, Paolo di Tarso, la Madonna, Giuda e tanti altri bei personaggi di cui si parla ancora a duemila anni di distanza. Per favore cancellane uno di quelli che sono qui oggi, solo uno. Non puoi sbagliare: è l'unico che racconta balle anche a te, e tu non sai mai se crederci o no.

Marianino



Mariano Turigliatto © 2010 | www.marianoturigliatto.it | Powered by OneBit