Seguimi su Twitter | Facebook | Scrivimi una E-Mail | Iscriviti al Feed RSS

Referendum? Il 6 e 7 giugno.

 
 
Organizzare i referendum abrogativi sabato 6 e domenica 7 giugno. Utilizzare le somme che sarebbero state impiegate per organizzare gli stessi referendum in altra data a favore dei lavoratori più deboli attraverso la rivisitazione dell'accordo sugli ammortizzatori sociali presso la Conferenza Stato/Regioni.
Sono queste le due richieste contenute nell'Ordine del giorno presentato oggi dal consigliere regionale del gruppo "Insieme per Bresso", Mariano Turigliatto. L'Ordine del giorno prende origine dal mancato abbinamento dei referendum abrogativi alle elezioni amministrative ed europee del 6 e 7 giugno: "Una decisione - scrive Turigliatto - che comporterebbe un aggravio per le casse dello Stato stimabile nei soli costi diretti (remunerazione dei presidenti di seggio e scrutatori, costo di trasporto delle schede, costo del personale di sicurezza) in 200 milioni di euro, pari all’ammontare della cosiddetta Social Card. Senza contare - aggiunge Turigliatto - che il tutto comporterebbe il rischio di richiamare alle urne i cittadini tre volte in due settimane, considerando anche l’eventuale secondo turno delle elezioni amministrative".
I tre referendum abrogativi relativi alla legge elettorale per Camera e Senato della Repubblica riguardano: il premio di maggioranza alla lista più votata, l'innalzamento della soglia di sbarramento e l'abrogazione delle candidature multiple.
 
 



Mariano Turigliatto © 2010 | www.marianoturigliatto.it | Powered by OneBit