Seguimi su Twitter | Facebook | Scrivimi una E-Mail | Iscriviti al Feed RSS

CHI NON SBALLA BALLA GRATIS.

di Stefano Zanotto

Ingresso gratuito in discoteca per chi supera il test dell'etilometro. Lo scorso sabato sera per le strade del torinese si è sperimentata l'ennesima iniziativa contro gli incidenti stradali del week end. Una novità che rientra nella campagna "Guido con Prudenza - Zero alcool, tutta vita", promossa da Polizia stradale e da Fondazione Ania per la sicurezza stradale. Così, chi è risultato sobrio dopo il classico soffio nell'etilometro, ha potuto scegliere un biglietto omaggio per uno dei sei locali aderenti all'iniziativa. Il week end appena trascorso è stato scelto non a caso per il lancio di questa campagna. Dal 23 al 29 aprile si celebrava infatti la "Settimana mondiale per la sicurezza stradale", manifestazione istituita dall'Onu per sensibilizzare sul tema delle conseguenze degli incidenti stradali.

Nell'ambito di "Guido con Prudenza" si è cercato anche di promuovere la figura di "Bob", il guidatore designato che per una sera non beve e riaccompagna a casa gli altri senza rischi. Nelle discoteche aderenti all'iniziativa veniva distribuito un braccialetto a ogni compagnia di amici per identificare il Bob di turno che durante la serata non avrebbe toccato alcool. La pratica del guidatore designato è molto diffusa soprattutto nel nord Europa: già da qualche anno si sta cercando con queste campagne di introdurla anche da noi. È senza dubbio un intento giusto: il problema degli incidenti del sabato sera non si risolve solo a suon di contravvenzioni e patenti ritirate. È fondamentale invece che accanto alle misure repressive si favorisca la responsabilizzazione di chi si mette al volante. Senza cambiamento di mentalità, i risultati dei controlli a tappeto delle pattuglie non possono che essere parziali.

A proposito di responsabilizzazione di chi guida: a Los Angeles esiste già da qualche anno un servizio di autisti, Homejames, che accompagnano a casa chi ha bevuto troppo e non se la sente di mettersi al volante. Una volta contattato per telefono, l'autista arriva a bordo una mini-moto pieghevole; caricata questa sull'auto del cliente, guida fino a destinazione per far poi ritorno sulla sua moto. A prima vista, una trovata pratica e intelligente: a quando anche in Italia?

 



Mariano Turigliatto © 2010 | www.marianoturigliatto.it | Powered by OneBit