NOVITA'
latest

468x60

header-ad

venerdì, febbraio 26, 2010

BRESSO: IMBARAZZI CON I VERDI (TAV)




clicca per ingrandire l'articolo



« PREV
NEXT »

4 commenti

  1. Interessante.
    Programmi diversi ... sensibilità diverse ... sarà mai la poltrona il filo conduttore?
    A già, vero, non si chiama poltrona, si chiama dialogo con chi la pensa diversamente.
    Ovviamente comodamente seduti e ben retribuiti si dialoga meglio.

    RispondiElimina
  2. Trovo le dichiarazioni di Gallinatti sulle stellette "strane" e lontane dal modo di confrontarsi che credevo proprio di Civica. Ciò mi spiace. non credevo che Civica avesse bisogno di un confronto in questi termini per far capire cos'è. Che importa delle 5 stelle dei grillini se si è sicuri della bontà del proprio operato?
    Fabio Santo
    già candidato di Civica alle elezioni provinciali

    RispondiElimina
  3. Ma dai, non siate così severi! C'è o no bisogno di persone che provano a mettere in luce le contraddizioni con ragionamenti e dati... oppure si preferisce "giocare" al sì o no sulla pelle della gente?
    La storia della "poltrona" è talmente stantia che rischia di gettare discredito su chi la usa ancora. Noi, ognuno di noi, siamo un impasto di storia e idee: a quelle si deve fare riferimento quando si giudica. A meno che non siano sempre i pregiudizi e gli schemi di comodo a prevalere.
    Idem per i grillini, che hanno tutta la mia simpatia: caro Fabio, leggi cosa scrivono e con che spocchia, alcuni di loro. Una battuta come quella di Paolo...

    Mariano

    RispondiElimina
  4. Caro Mariano, sai che non sono l'avvocato di nessuno...semplicemente dall'asciutta chiusura dell'articolo non trapelava il fatto che trattavasi di battuta e mi era sembrata un'osservazione un pò gratuita. Dopodichè ci sta che nei colpi di fioretto pre elettorali si usi anche qualche immagine colorita, ancor di più se serve a far emergere l'impasto di cui si è fatti. Ne approfitto per dire la mia sulle divergenze di opinioni all'interno di una coalizione: ben vengano, anzi siano auspicate, perchè contribuiscono ad un arricchimento sicuramente superiore a quello cui conducono gli allineatissimi yes-man, a maggior ragione se le divergenze sono generate dal confronto di dati e numeri: e lì che si smascherano i trucchi...
    Fabio Santo

    RispondiElimina