NOVITA'
latest

468x60

header-ad

giovedì, gennaio 22, 2009

CRONOSTORIA DI UN'ESCLUSIONE

Il prossimo 28 marzo i cittadini piemontesi saranno chiamati alle urne per esprimere la propria preferenza per le elezioni regionali.

Sono già trascorsi cinque anni da quando Mariano Turigliatto è stato eletto in Consiglio regionale con la Lista Insieme per Bresso e ora vorrebbe provare ad accogliere la proposta che gli ha fatto la stessa Bresso
( presidente@regione.piemonte.it ) ricandidandosi nella lista della presidente.

Tra le attività di questi anni trova spazio la pubblicazione del periodico di informazione e approfondimento politico “Punto di Vista”, giornale del gruppo che dà voce alle numerose liste civiche del territorio piemontese.

La libera espressione, la critica costruttiva, sono purtroppo sempre poco tollerate dagli esponenti di qualsiasi governo tanto da spingere alcuni sindaci del Pd a chiedere la sua testa dopo aver preso visione di alcune, peraltro legittime, critiche alla loro amministrazione, apparse sul nostro periodico Punto di Vista.

Molti ritengono che la richiesta di esclusione di Mariano, formulata da alcuni sindaci del Pd, sia un modo per favorire la corsa alle prossime elezioni all'assessore, Andrea Bairati, futuro capolista della Lista Insieme per Bresso, senza il minimo rischio e timore che qualcuno, Mariano, possa mettere in forse la sua elezione, o più semplicemente soffiargli il posto.

Questa l’estrema sintesi di una storia che vorremmo non si concludesse con l’esclusione di Mariano dalle elezioni regionali. Pertanto ti chiediamo, se ritieni, di aiutarci a far riflettere i cosiddetti “politici di professione” sul fatto che l’assenza di Mariano alle prossime elezioni amministrative regionali sarebbe un danno grave per le tante persone che credono in lui e nel suo modo di intendere la politica, al servizio del cittadino.

Di seguito trovate tutti gli articoli apparsi sulla vicenda in questi giorni, a seguito di lettere di privati e di liste civiche piemontesi di sostegno a Mariano che hanno indirizzato la loro voce ora alla presidente Bresso ora alla politica in generale.

1 - LETTERA ANONIMA ALLA PRESIDENTE BRESSO
    (Luna Nuova)

2 - RISPOSTA DI MARIANO ALLA BRESSO 

3 - LA LETTERA DEI SINDACI ALLA BRESSO
Questo è il testo della lettera pervenuta alla Presidente Bresso dai Sindaci. 

Non ne abbiamo avuto copia  ma siamo lo stesso in grado di fornirvene il testo.
(Tralasciamo di riportare il fax di accompagnamento)

4 - LA LETTERA DEGLI AMMINISTRATORI PUBBLICI PRO-MARIANO 

5 - L'ARTICOLO DELL'ESCLUSIONE DI MARIANO 
    (La Repubblica)

6 - LA REPLICA DI MARIANO SU " LA REPUBBLICA"

« PREV
NEXT »

6 commenti

  1. Scusate ma trovo la ricostruzione dei passaggi che portano all'esclusione molto lacunosa anche da parte vostra. Non si capisce di chi sia questa lista insieme per Bresso. Chi è che sceglie i candidati, chi possiede il marchio? Ovvero chi è che convoca, valuta e discute? E come può Turigliatto non saperne niente se ha fatto parte per anni di quella lista? O era un appartenenza di facciata ma poi si organizzava le cose sue (tipo civica che è apparsa come un progetto di lista alternativo)? C'è un rappresentante ufficiale della lista che possa rispondere ai quesiti posti dall'esclusione di Turigliatto? Ma poi come è possibile che il solo consigliere eletto di una lista che ebbe il 5% appaia oggi come del tutto alieno anche solo alla segreteria che dovrebbe gestirla? Non è che queste liste rappresentino pure operazioni "tecnico/elettorali" di facciata gestite di spin doctors sconosciuti e con metodi imperscrutabili? E se così fosse non è che anche Turigliatto ha la sua dose di responsabilità nel non aver lavorato in questi anni a dare un anima al contenitore nel quale è stato eletto, da cittadini che avevano creduto in quell'esperimento ?

    RispondiElimina
  2. E tana anche Turigliatto però, che quando serve un vagone per andare in consiglio ci sale, poi arrivato in stazione scende, si fa i fatti suoi per 4 anni, e quando rimontano il convoglio si dice stupito di non essere stato coinvolto, lui che, di quel convoglio appariva un convinto azionista se non addirittura il capotreno. O no ?

    RispondiElimina
  3. Incredibile..Mariano viene iniquamente escluso, solo per garantire la rielezione al signor Bairati e troviamo adesso "qualcuno" che attacca Mariano dicendo che è pure colpa sua!!! Se Mariano fosse stato "assente" e poco partecipe alla operazione perchè mai la Mercedes gli avrebbe chiesto ad Agosto di ricandidarsi ed aiutarla a formare la lista?!?
    Ma lasciare il sospetto che sia co-responsabile...questo no gente!! Cornuto e mazziato non mi sembra proprio il caso!!!
    mg

    RispondiElimina
  4. ma soprattutto..... Perchè non vi firmate se siete convinti di quello che dite?
    Turigliatto, per quello che so, è l'unico consigliere che ha sempre in qualche modo fatto sapere ai suoi elettore quello a cui stava lavorando, motivando le sue azioni e le sue prese di posizione tramite giornale, blog e quant'altro. Operazione trasparente, considerando che una volta eletti dei politici si perdono le tracce, non sai più che fanno e come. Li ritrovi al massimo alle elezioni dopo magari in una lista o partito opposti a quella nella quale sono stati eletti.
    Ho avuto modo di avvicinarmi a lui e al suo gruppo e posso dire per certo che non li ho mai visti rincorrere il potere o prendere posizioni in maniera opportunistica.....sarà per quello che mal si amalgamano con il mondo politico del momento...
    Ben vengano persone così

    RispondiElimina
  5. resta il fatto che quello con la Bresso si direbbe a questo punto un rapporto ambiguo, per colpa di chi non lo so... di solito in un rapporto si è in due...
    Resta il fatto che sia strano lamentarsi della Bresso e sostenerla, come poi il contrario, chiedere il sostegno e scaricarlo.
    Sembra che le ragioni di un matrimonio (di facciata) siano quelle di un reciproco matrimonio di interessi in cui entrambi non fanno una bella figura, sembrerebbe anzi che manco si parlino e si conoscano, vi pare strano che da fuori si noti una certa ambiguità, tanto nel litigio a mezzo stampa, quanto nel sostegno poi politico. Se non vi pare anche a voi che ci sia qualcosa che non torna (come in tutta questa sinistra, sempre più unita solo all'apparenza, nei paraggi delle elezioni, e in realtà solcata da profonde inimicizie) sarà che ci vedo male io... per carità... può essere... (ma non credo,sinceramente).

    RispondiElimina