I più amati dagli italiani.

martedì, novembre 21, 2006

I più amati dagli italiani.


 

Alla scadenza del primo semestre di governo sono arrivate le prime sentenze riguardo l’operato di Prodi e di tutta la sua squadra.

In questo caso la pagella la danno gli organi di comunicazione più importanti che, commissionando sondaggi alle varie agenzie di marketing, svelano il pensiero degli italiani sulla politica fin qui portata avanti dal capo di governo e da i suoi “prodi” partiti del centro sinistra.

Per chi vuol fare un’ampia panoramica su tutti i sondaggi politico-elettorali pubblicati in questi giorni, consiglio di dare un’occhiata al sito www.sondaggipoliticoelettorali.it. Troverà tutto quello che ancora non è riuscito a leggere o vedere.

Non mi soffermo a darvi i risultati, tanto quelli in maniera più o meno precisa li conosciamo già, ma su tutti un sondaggio mi ha colpito, non fosse altro perché tiene conto del consenso nei confronti dei vari presidenti di regione.

Infatti, l’ente di ricerca IPR Marketing per conto de “Il Sole 24 ore”, ha effettuato la seguente domanda: Le chiedo un giudizio complessivo sull'operato del Presidente della Regione nell'arco del 2006. Se domani ci fossero le elezioni regionali, lei voterebbe a favore o contro l'attuale Presidente di Regione?. Ho riportato per intero la domanda perché spesso i sondaggi che riportano unicamente una percentuale possono trarre in inganno.

Ebbene, tutti i presidenti di centro sinistra scendono nei consensi. Possiamo fare qualche esempio: Bassolino (Campania) dal 61,6% al 51,5%; Del Turco (Abruzzo) dal 58,1% al 51,5%; Marrazzo (Lazio) dal 50,7% al 50%; Loiero (Calabria) dal 59% al 48%. I dati si riferiscono nel primo caso al giorno delle elezioni regionali; nel secondo, al sondaggio appena effettuato.

Gli unici due presidenti che non solo tengono il passo ma anzi incrementano l’appeal elettorale sono Niki Vendola (dal 49,8% al 52,5%) e, udite udite, Mercedes Bresso (dal 50,9% al 53,5%)!

Insomma, non che si debba essere così allegri vista la situazione nazionale, ma i primi frutti del lavoro della nostra presidente e di tutte le persone impegnate nella governance regionale sembra stiano arrivando. Ciò nonostante, molto si può e si deve ancora fare, ricordando che i conti si fanno sempre e solo alla fine!!

Massimiliano Abbruzzese