Seguimi su Twitter | Facebook | Scrivimi una E-Mail | Iscriviti al Feed RSS

RENZI'S LAUNDROMAT

Nelle grandi città del mondo ci sono tantissimi negozi di ogni genere e qualità. Ce ne sono anche alcuni che nelle nostre città scarseggiano: le lavanderie a gettone, LAUNDROMAT in inglese dal sapore renziano. 
Adesso Renzi e Padoan ce ne hanno confezionata una addirittura generalizzata, governativa, con sedi capillarmente distribuire in tutti gli angoli di questa infelice Italia, gli uffici dell'Agenzia delle Entrate e gli sportelli dei commercialisti. 
Solo che nelle Renzi's laundromat si laveranno solamente i soldi sporchi, per la biancheria rivolgersi altrove. Il solo fatto di chiamare in inglese un condono - l'ennesimo, ancora più schifoso di quelli di Berlusconi e dei governi prima di lui - da la misura di quanto questo paese sia disposto a farsi prendere in giro. Almeno così viene immaginato da chi lo governa.
Nessuna delle persone oneste (o mediamente tali) ha accumulato grandi quantità di contante nascosto in giro con attività lecite: la più pulita è l'evasione fiscale e, a salire, riciclaggio, traffici illeciti, denaro sporco proveniente da traffici criminali come la vendita di droga, l'estorsione e così via. Se io fossi uno di loro starei già preparando una colossale operazione di "sbiancatura del denaro sporco" col semplice pagamento di una tassa del 35%, ben inferiore a quello che avrei speso a mandarlo in Svizzera (siamo sicuri che il segreto bancario laggiù tenga ancora a lungo?) o a farlo transitare nei paradisi fiscali perché ne riemergesse candido come la neve.
Avrei già messo in allerta famigliari, amici e dipendenti (in tutti i sensi) perché ciascuno di loro si preparasse a farmi da prestanome, dichiarando di possedere nelle cassette di sicurezza o sotto i materassi, gioielli e contanti nella misura che mi serve che facciano. Una volta che il Parlamento approvasse la legge di stabilità con dentro la voluntary disclosure, tutti dal commercialista a pagare la tassa per rendere pulito il denaro che prima era sporco. Con buona pace di chi le tasse non può nemmeno scegliere di evaderle perché le paga sullo stipendio.
La prima voluntary disclosure aveva come obbiettivo il rientro dei capitali dall'estero e si basava, appunto, sull'allarme che le inchieste internazionali sui segreti bancari aveva suscitato nei faccendieri e nei finanzieri del "nero" nostrano. Questa serve a raschiare il fondo del barile  e a consentire alla malavita di compiere operazioni come sopra accennate.
Naturalmente Renzi parlerà delle nonnina, che ha tenuto il gruzzolo sotto una piastrella della sua umile casa, che finalmente potrà mettersi in regola. Così tutti potranno commuoversi per lei mentre si consuma l'ennesima presa per il culo dei contribuenti onesti. 
L'equità fiscale un'altra volta, intanto bisogna cambiare il nome a Equitalia perché i polli pensino che il governo ha fatto un'altra importante riforma che rasserena il futuro.
Mariano 
  



Mariano Turigliatto © 2010 | www.marianoturigliatto.it | Powered by OneBit