Seguimi su Twitter | Facebook | Scrivimi una E-Mail | Iscriviti al Feed RSS

TERRORE E CONFORMISMO

Sulle stragi di Parigi molto si è detto. Sugli sciacalli che volano basso per sbranarsi il cadavere dell’Occidente invece qualcosa va fatto: la satira, quella vera, aiuterebbe
Serve più  Charlie...

Chissà come avrebbero raccontato la mobilitazione che è seguita alla strage di Parigi, i disegnatori e i giornalisti che ne sono state vittime! Come avrebbero descritto gli attentatori feroci e maldestri, come avrebbero rappresentato quell’Islam che sembra sempre più una specie di alibi per disperati di tutte le periferie. E come avrebbero raccontato la caccia all’uomo, l’epilogo, gli ostaggi (non sappiamo ancora se salvi o no) anche loro…
E l’assassinio del poliziotto, lui sì musulmano, della poliziotta e l’assalto al negozio ebraico. Chissà come avrebbero trattato i servizi segreti francesi, le speculazioni politiche e tanto altro ancora.

E cosa avrebbero detto delle manifestazioni di solidarietà e di reazione al tentativo di imbavagliare la stampa che “non piace” con il piombo delle pallottole, sovente con in prima fila fior fiore di politica che i giornalisti li vuole sdraiati o a 90 gradi, pena l’ostracismo e la condanna scandalizzata e perbenista. Nella loro riunione del mercoledì mattina qualche grassa risata se la sarebbero fatta, credo. Poi, penne e matita in mano, avrebbero cominciare  a produrre storie e disegni da far incazzare tutti i conformisti, illividiti al punto di strozzarsi nel loro perbenismo di facciata. Lo scopo della satira, quella vera.
Mariano



Mariano Turigliatto © 2010 | www.marianoturigliatto.it | Powered by OneBit