Seguimi su Twitter | Facebook | Scrivimi una E-Mail | Iscriviti al Feed RSS

CAOS DEMOCRATICO

Le ultime giornate di campagna elettorale per le primarie democratiche ci riservano continue sorprese…
Tutto e il suo contrario
Dunque, Civati  arriva in val Susa e dice che è contro il progetto di TAV in valle (leggi), che è oramai fuori dalle priorità, che anche la Bocconi dice che non va bene eccetera. Condivido, d’altra parte – al netto dei fanatismi e della voglia di trasformare la questione TAV in una battaglia ideologica con “antagonisti” da una parte e “istituzionali” dall’altra – l’evidenza dei rischi economici e umani dell’opera sono noti già da tempo e non c’è bisogno di essere estremisti anti-progresso per preoccuparsene. Altro è discutere e decidere di potenziare il traffico ferroviario transalpino con linee efficienti e convenienti, il vero tema che qualunque governo, locale o nazionale, dovrebbe finalmente porsi (leggi). Forse Civati, per meglio dire il suo approccio, è quello buono a svelenire il clima e riportare la spinosa questione nei suoi binari, tecnici e politici, separando il grano dal loglio. Ma...

Solo poche ore prima però un’altra esponente del PD, la Bresso, cantava la canzone opposta, spingendosi a spiegare che il TAV in galleria almeno non deturpa il paesaggio e che, comunque, quando lei tornerà in Europa (finalmente eletta dai cittadini del Nord Ovest) avrà bisogno di un mezzo di trasporto confortevole, pubblico, veloce e non troppo inquinante. Il TAV, appunto.
Per non parlare del pasdaran Esposito (il senatore) di cui abbiamo finalmente compreso le ragioni dell’impegno profuso: far viaggiare comoda la Bresso verso Strasburgo. O della linea ufficiale del PD che il TAV la considera un’opera prioritaria, come già il PdL il ponte sullo stretto. Insomma una babele, ognuno per suo conto, ognuno a dire la sua, come se dal 9 in avanti fossero già destinati a costituire partiti diversi o a riprodurre all’infinito il caos paralizzante  che mortifica la voglia di politica e il bisogno di scelte chiare, trasparenti e dalle motivazioni forti.
Se fanno così sul TAV, figuriamoci su tutto il resto!
Si capisce che la settimana prima delle primarie si voglia dare lo scossone affinché vadano a votare quanti più Italiani possibile, che i candidati abbiano voglia di accentuare le differenze fra di loro per marcare ciascuno il suo progetto, ma illuderle gli elettori con tutto e il suo contrario non è un bel modo per giocarsi il poco credito residuo che il PD ha ancora in questo panorama disastrato.

Mariano



Mariano Turigliatto © 2010 | www.marianoturigliatto.it | Powered by OneBit