Seguimi su Twitter | Facebook | Scrivimi una E-Mail | Iscriviti al Feed RSS

LA CENA DEL CANDIDATO

Forse a segnalare una vocazione al “magna-magna”, la campagna elettorale delle primarie per finta di Grugliasco si arricchisce di orge gastronomiche. Protagonista assoluto l’assessore con delega alla legalità, trasparenza, e importanti incarichi nelle associazioni che se ne occupano. Qualcosa non funziona…
Quanto costa la pizza.. e chi la paga?


I cittadini del Borgo – un nuovo quartiere pieno di guai, di alloggi invenduti e di edilizia convenzionata senza sorveglianza – hanno ricevuto un invito nella buca delle lettere. Il candidato “prescelto”, quello che ha sempre vissuto di politica e non saprebbe come sbarcare il lunario con un lavoro vero, ha invitato tutti quelli che abitano lì a mangiare la pizza per celebrare degnamente la sua campagna elettorale: dunque sarà tutto un “magna magna” a sue spese, con la segreta speranza che i mangiatori di oggi  andranno domenica prossima a votare per lui.
E’ lo stesso che cenerà stasera al Centro sociale (ma non dovrebbero stare fuori le strutture comunali da queste pagliacciate?) e che manda in giro ad inquinare la città camion con su il suo faccione.
Una campagna elettorale così non si era ancora mai vista, nemmeno per le elezioni vere, figurarsi per delle primarie fasulle! Quello che colpisce è lo spiegamento di mezzi, il fiume di denaro che corre (in contemporanea con le lamentazioni del soggetto in questione per le basse retribuzioni della politica, ben assecondato da clientes in ansia da posti).
Lui poi, viene da una tradizione ben diversa, fatta di economie, autofinanziamenti, rendicontazioni all’euro, estrema attenzione ai contenuti e poca al dispiegamento di mezzi, perché non è così che si fa politica.
Che cambiamento: dovevate sentirlo come pontificava sulla legalità, sulla trasparenza, sulla politica rigorosa e attenta ai costi. Dovreste sentirlo in giro nei convegni in cui viene invitato perché ancora si spaccia per quello che non è mia stato e che per un attimo avrebbe potuto essere se solo avesse imparato meglio la lezione mentre faceva l’assessore con me.

I peggiori metodi li ha imparati tutti e, se non distribuisce la scarpa destra promettendo la sinistra dopo il voto, è solo perché non ha abbastanza persone che controllino il popolo bue affinché faccia ciò che lui si aspetta. Proprio una brutta storia…

Ma dove li prende tutti ‘sti soldi? Chi glieli da? Quanto costeranno tutte queste cose a Grugliasco e ai suoi cittadini? Vogliamo provare a chiedere il rendiconto, non solo a lui, a tutti i candidati delle primarie burla, con l’indicazione chiara delle spese sostenute e dei finanziamenti ricevuti?
Se è questo il modo di occuparsi della città, Grugliasco ha già perso.

Mariano



Mariano Turigliatto © 2010 | www.marianoturigliatto.it | Powered by OneBit