Seguimi su Twitter | Facebook | Scrivimi una E-Mail | Iscriviti al Feed RSS

PROCESSO LUNGO, PRESCRIZIONE BREVE

Il senso perverso delle parole: la semantica dei furbi

Oramai anche le parole si sono berlusconizzate, sistematicamente trasformate in segni che “nominano” concetti con cui non hanno più alcuna relazione.
Il processo diventa “giusto” quando serve a tenere al sicuro il capo, ma ai babbei si racconta che garantirà più equità ai poveracci incastrati nel meccanismo giudiziario che, altrimenti li stritolerebbe come già fa. La Magistratura “ingiusta” va raddrizzata, domata, riportata al giudizio, resa efficiente per questo paese ingiusti: a questo serve il “giusto processo”, non ad altro, ci spiegano i commentatori e le teste d’ariete parlamentari.
La prescrizione “breve”, invece, serve a mettere un po’ di pepe sulla coda dei giudici poco produttivi che menano il can per l’aia nelle aule dei tribunali, rendendo interminabili i processi. Il personale che ci vuole a far funzionare la macchina della giustizia? Meno ce n’è meglio è, così i magistrati si accaniscono sui poveracci e lasciano stare i reati da colletti bianchi. Le regole dei processi e il sistema di garanzie formali degli imputati? Più è contorto e meglio è, così la scampano quelli che hanno bravi avvocati, capaci di cavillare e rinviare sine die utilizzando le infinite scappatoie ed eccezioni che, leggina dopo leggina, si vanno introducendo nella gestione del rito processuale.

L’indipendenza della magistratura? Un modo con cui quei comunisti dei magistrati si fanno i cazzo loro, perseguitando i bravi imprenditori come b e i sodali campani e siculi del ceto politico locale. Ecco perché bisogna eliminarla, questa benedetta indipendenza. Che questo requisito è una delle condizioni di una democrazia funzionante e sana lo sanno bene, ma è proprio per questo che la magistratura deve tornare a essere più “dipendente”, perfino di quanto lo sia stata durante il fascismo.  

Buffi vedere questi sopravvissuti di un sistema che ha i giorni contati, agitarsi in Parlamento per smontare anche gli ultimi residui di legalità e di rispetto civile. Forse confidano anche loro nella scarsa capacità di memoria di questo paese.
Pensano che, quando ritroveremo il senso vero delle parole, ci saremo già dimenticati della parte che ciascuno di loro ha avuto e ha ancora nel disastro generale che hanno prodotto.

Mariano



Mariano Turigliatto © 2010 | www.marianoturigliatto.it | Powered by OneBit