Seguimi su Twitter | Facebook | Scrivimi una E-Mail | Iscriviti al Feed RSS

ITALIA ALLO SBANDO

Destra divisa, sinistra impotente, centro inesistente
I commenti al mio post di lunedì, che trattava " a caldo" del discorso di Fini, costituiscono un esempio indicativo delle reazioni che si odono in giro fa chi ancora si occupa di politica. Ringrazio coloro che hanno scritto e vorrei provare a commentare le loro parole.

Innanzitutto il tema della moraltà di Fini, delle caratteristiche del personaggio, dell'appartamento di Montecarlo, della famiglia acquisita, davvero imbarazzante per i comportamenti eccetera. Certamente Fini è tutto questo, è anche colui che ha sostenuto in ogni modo il cavaliere ben sapendone i limiti e ben conoscendone usi costumi e frequentazioni.

Tutte queste cose non le ha imparate adesso, prima gli facevano comodo, adesso non più. La rottura non è determinata dal disgusto personale verso un satrapo puttaniere e amico dei mafiosi, maturata nel momento in cui se ne è accorto, è il prodotto della maturazione di una opzione politica che Fini ha teso a interpretare al meglio. E ci è riuscito per ora alla grande.
Confondere i due piani - l'affidabilità del personaggio Fini e la funzione politica delle sue posizioni di oggi - complica enormemente la comprensione del fenomeno. I miei sentimenti  e i miei apprezzamenti per il personaggio sono sempre gli stessi, ma non posso non registrare che le sue posizioni d'oggi accelerano la fine politica di b e aprono la strada a una nuova stagione politica in Italia.

E' esattamente ciò a cui aspiro da vent'anni, dannadomi l'anima nel vedere quanto sono conservatori i miei amici di sinistra e quanto incapaci essi siano di tirare fuori le palle mettendo in gioco qualcuna delle rendite di posizione che invece lottano strenuamente per conservare.
Se  Fini avesse sbagliato mossa - attuando una rottura netta e interpretando un processo che comunque è in atto nel centrodestra,  invece che sottomenttendosi ancora una volta al capo - a quest'ora sarebbe da solo. B gli avrebbe comprato tutto il comprabile, come fece in passato e ancora tenta anche questa volta. Credo che le fila dei suoi andranno ingrossandosi a mano a mano che resiste, a mano a mano che passerà il messaggio di un b alla fine della sua corsa (spero).
Guardo i nostri leaders annaspare e distinguersi l'uno dall'altro in patetiche dichiarazioni televisive e mi viene il magone. Temo che una parte degli elettori di centrosinistra finirà per scegliere Fini, non fosse altro che per il coraggio e la determinazione.
Nonostante sia stato fascista, nonostante l'appartamento, la Tulliani eccetera.... e me dispiaccio!

Mariano



Mariano Turigliatto © 2010 | www.marianoturigliatto.it | Powered by OneBit