Seguimi su Twitter | Facebook | Scrivimi una E-Mail | Iscriviti al Feed RSS

COME DA COPIONE...

Alla fine è andata come previsto: un bel decreto e... opla!, quel che prima era irregolare è diventato regolare. Siamo passati dalle leggi ad personam a quelle a richiesta. Non si sanano più solo i processi e i procedimenti giudiziari, ma anche i comportamenti che generano conseguenze sgradite.
Stupisce la firma del Presidente della Repubblica, custode oltre che della Costituzione anche dei principi che essa contiene, oltre che dei fondamenti su cui si regge ogni democrazia rappresentativa. Stupisce anche se la situazione era davvero complessa.





Ora non resta che parare il colpo del golpe consumato, ma come? Cominciando a fare della legalità (quella del rispetto delle regole, trasparenza, equiparazione di tutti di fronte allo stato, giustizia sociale... scusate tutte queste parole inquietanti) un programma politico. Stridono candidature del centrosinistra davvero imbarazzanti, ma stridono ancora di più usi e costumi di nuovo largamente diffusi e propugnati in nome della modernità e della celerità di azione, anche da amministratri pubblici "amici". Stride anche la boria, la presunzione, la mancanza di capacità di interlocuzione, il disprezzo e la volontà di annientamento dell'avversario o anche solamente di chi osa criticare.
O dopo le elezioni riparte davvero la politica, oppure siamo davvero spacciati. Anche perché sono in molti a pensare che, dopo Berlusconi, potrebbe andare persono peggio, vista la qualità del ceto politico in generale.
Dunque, un sussulto d'orgoglio e tanta umiltà per ripartire a cambiare questo nostro paese.

Mariano



Mariano Turigliatto © 2010 | www.marianoturigliatto.it | Powered by OneBit