Seguimi su Twitter | Facebook | Scrivimi una E-Mail | Iscriviti al Feed RSS

UNIVERSITA': E' SOLO UN PROBLEMA DI SEDI DECENTRATE?

Il Senato accademico del Politecnico di Torino ha deliberato un drastico ridimensionamento delle attività e delle sedi decentrate, scatenando le proteste degli studenti e  degli amministratori che hanno sovente impegnato risorse pubbliche per ottenere la loro "piccola università". Il ridimensionamento è frutto di una applicazione delle misure Gelmini ancora prima che esse siano varate, ma rappresenta anche una risposta alla riduzione delle risorse per gli atenei italiani.
Rischiano di andare perse esperienze locali anche piuttosto importanti e produttive, ma quello che colpisce è che - senza consultare nessuno e muovendosi come se intorno non ci fosse una regione, un sistema produttivo, una società, altre università - il Politecnico ha rimesso in discussione il modello di "università diffusa" che ha caratterizzzato il Piemonte negli ultimi vent'anni.
Così anche le scelte migliori finiscono per produrre danni e  guasti. Forse sarebe stato meglio che anche al Poli si interrogassero sulla discesa progressiva degli atenei piemontesi e italiani nelle classifiche di qualità  mondiali ed europee. Forse dovrebbero interrogarsi anche loro sulle ragioni che hanno determinato un drastico calo delle iscrizioni di studenti stranieri, fino a 10 anni fa vero fiore all'occhiello dell'Università e del Poli.

Mariano




Mariano Turigliatto © 2010 | www.marianoturigliatto.it | Powered by OneBit