Seguimi su Twitter | Facebook | Scrivimi una E-Mail | Iscriviti al Feed RSS

LA NOTA SUL CONSIGLIO REGIONALE






Nell'ultima seduta del Consiglio regionale del Piemonte è stata approvata la legge per la tutela dei cani e dei loro padroni, norma che prende lo spunto dal ripetersi di episodi in cui cani, spesso maltrattati, aggrediscono le persone.
A livello nazionale e regionale esistono già norme e interventi in materia: per esempio sono vietati l'addestramento e operazioni di selezione o di incrocio tra razze di cani con lo scopo di svilupparne l'aggressività, ma anche il taglio di coda e orecchie e la recisione delle corde vocali, se non per ragioni strettamente curative.

La nuova legge piemontese intende tuttavia disciplinare la corretta e serena convivenza tra le persone e i cani, ai fini della prevenzione e della tutela dela salute pubblica e del benessere animale, valorizzando il ruolo sociale della relazione dell'uomo con il cane, attraverso una maggiore diffusione di comportamenti responsabili sia dei proprietari dei cani che della cittadinanza in genere.
La legge inoltre istituisce il Comitato regionale di valutazione e controllo sull'aggressività canina e definisce gli obiettivi per i detentori di cani ad aggressività non controllata, tra cui merita di essere sottolineata la necessità di frequentare percorsi formativi destinati al rilascio di una certificazione che attesti il corretto rapporto uomo-animale.
Il finanziamento è di 100mila euro all'anno per il biennio 2010-2011.
Infine, con la presente legge si introducono maggiori spazi destinati ai cani all'interno dei giardini pubblici.



Mariano Turigliatto © 2010 | www.marianoturigliatto.it | Powered by OneBit