Seguimi su Twitter | Facebook | Scrivimi una E-Mail | Iscriviti al Feed RSS

La Nota sul Consiglio Regionale.

Anteprima

 

di Patrizio Brusasco

 

Sei ordini del giorno (gli odg nella consueta terminologia) anti-crisi sono stati approvati nel corso dell'ultima seduta del Consiglio regionale del Piemonte.

Tutti quelli presentati da Rifondazione (in numero di tre, ndr) riguardavano il problema del carovita e contro le imprese che scelgono di delocalizzare le proprie attività produttive, mentre quello targato Pd chiedeva alla Giunta una "terapia d'urto a sostegno del reddito", e ancora quello dei Moderati e Riformisti che proponeva accordi con le banche per far fronte ai ritardi di pagamento verso i fornitori della Regione Piemonte.

Infine, è stato anche approvato l'odg dell'Udc che impegna l'Esecutivo regionale a implementare le politiche per il lavoro nel bilancio 2009. Bocciate invece le mozioni della minoranza: la prima, presentata da Pdl e Lega, chiedeva la riduzione dell'indebitamento della Regione e l'elaborazione di una Finanziaria 2009 di emergenza; la seconda era un'iniziativa del consigliere leghista Dutto che proponeva la riduzione delle oltre 50 partecipate di Finpiemonte (la società finanziaria regionale).

 

 

 



Mariano Turigliatto © 2010 | www.marianoturigliatto.it | Powered by OneBit