Seguimi su Twitter | Facebook | Scrivimi una E-Mail | Iscriviti al Feed RSS

La scuola in retrò marcia.

 

di Eva Milano

Al post di Dida pubblicato ieri fa eco l'articolo di Tito Boeri e Fausto Panunzi comparso sul sito de La Voce, che commenta i particolari della riforma della scuola approvata in questi giorni.  Il concetto espresso, ampiamente condivisibile, è che "una società che risparmia sull'investimento nella scuola è una società che sta rinunciando al suo futuro".

Come altre iniziative del governo, anche questa sembra essere una strategia molto attenta alla forma forse più che alla sostanza, e ancora una volta le norme suggerite dal buonsenso sembrano essere disattese: voti o giudizi, è fondamentale il cambiamento? I grembiuli cambiano la qualità dell'insegnamento? Vi lasciamo alla lettura dell'articolo per qualche spunto di riflessione in più e vi segnaliamo in particolare un passaggio che analizza la tematica dei testi scolastici.

"Il diffondersi di nuove tecnologie come il computer ha arricchito gli strumenti didattici a disposizione degli insegnanti e i libri di testo si sono adattati a tali cambiamenti, inserendo supporti didattici come i cd dedicati al ripasso degli argomenti e una grafica meno spartana di quella dei libri di testo degli anni Settanta. Questo processo è avvenuto in tutti i paesi. Certo, vi sono case editrici che procedono ad aggiornamenti cosmetici pur di spiazzare il mercato dell’usato. Ma non ci si può affidare che agli insegnanti per impedire che queste scelte editoriali appesantiscano il bilancio delle famiglie. Esistono già tetti di spesa. Intervenendo d’imperio si corre il rischio di ritardare l’innovazione didattica."

A proposito! Tra pochi giorni, in alcuni istituti del territorio piemontese avrà inizio la sperimentazione basata sull'uso dei mini pc di ultima generazione nella didattica scolastica, grazie al progetto del nostro gruppo consiliare. Il forte entusiasmo che anima le scuole,  gli insegnantio e la disponibilità delle case costruttrici che ci assistono nel progetto sono segnali incoraggianti. Nei prossimi giorni vi racconteremo nel dettaglio cosa bolle in pentola.

 

 

 



Mariano Turigliatto © 2010 | www.marianoturigliatto.it | Powered by OneBit