Seguimi su Twitter | Facebook | Scrivimi una E-Mail | Iscriviti al Feed RSS

Un racconto: La storia di Gianni.

Vi abbiamo parlato di un libro a cui teniamo molto, Interni di città (AA.VV. ed. Ananke, Torino 2007), ideato e realizzato dalla cooperativa Tenda Servizi di Rivoli. Sapete già che si tratta di una serie di racconti basati sulla ricerca della casa come primo e indispensabile passo per recuperare una vita dignitosa, per chi arriva da lontano e per chi si è perso per la strada. La storia di Gianni ne è un assaggio.

 In molti ci domandano dove è possibile acquistare il libro. Potete trovare Interni di città in tutte le librerie. Per contatti:  tendasrv@libero.it.

di Piero Cornaglia

Quattro anni fa si sono comprati una casa con le montagne davanti. Si tratta di una porzione di una vecchia cascina sottoposta a un recupero pesante e frazionata in alloggi di 80 metri quadri. Le montagne davanti ce le hanno per davvero: la porta di casa si apre su un grande prato e, più avanti, su una casa padronale abitata dal proprietario del prato. Dunque, finché lui ci sta il prato non verrà toccato. Il panorama è garantito ancora a lungo perché il proprietario della casa è giovane. Sono Roberta e Gianni, due soggetti molto diversi tra loro eppure assolutamente complementari. Si vogliono bene, nonostante Gianni abbia una storia non proprio perfetta. Prima era tossico, lo è diventato quasi come spinto da una senso di inferiorità, di minorità rispetto agli altri ragazzi della sua età. Non ha mai patito la fame e ha sempre vissuto con decoro, ma nella sua famiglia non c’era da scherzare: undici figli, a sei anni in collegio – come avrebbero diversamente i suoi genitori provvedere a tutti? – fino a sedici, tempo di finire le medie dopo aver ripetuto la quarta elementare e la seconda media.

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

 



Mariano Turigliatto © 2010 | www.marianoturigliatto.it | Powered by OneBit