Campi di volontariato.

8 maggio 2007

Campi di volontariato.


di Stefano Zanotto

L'estate si avvicina e per molti è già tempo di programmare le vacanze. Per chi vuole coniugare divertimento e svago con l'impegno a favore del prossimo o dell'ambiente i campi di lavoro possono essere la soluzione ideale. Animazione con bambini nelle aree povere del mondo, pulizia di aree verdi, ristrutturazione di centri culturali, assistenza ad anziani o portatori di handicap: sono tante le possibilità di solidarietà e impegno civile che si offrono a chi vuol passare una vacanza diversa dal solito. Ovviamente non si tratta solo di lavorare, ci mancherebbe (se no che vacanze sarebbero?): non mancano infatti momenti di studio, di socializzazione e di svago. Ce n'è per tutti i gusti: dai Paesi in cui si tengono i campi (Italia, Europa, America latina, Africa...), all'età dei partecipanti, alle modalità di svolgimento. Organizzati da associazioni laiche e non - dalla Arci  a Lunaria, dalle Acli a Servizio civile internazionale - prevedono quasi sempre dei percorsi di formazione prima della partenza. Il contributo economico varia a seconda dei casi: ci sono campi in cui bisogna pagarsi solo il viaggio, altri che richiedono contributi per vitto e alloggio e così via.

Negli ultimi anni, tra i campi di volontariato più pubblicizzati ci sono quelli di Legambiente. Si distinguono per la grande varietà di offerte: si vai dai progetti di recupero di aree naturali ai laboratori per diffondere la cultura della legalità e il senso civico, dai campi  per la valorizzazione del patrimonio artistico alle iniziative di solidarietà internazionale. Una citazione particolare meritano, secondo noi, i campi della legalità organizzati insieme all'associazione Libera nelle cooperative che gestiscono i beni confiscati alle mafie in virtù della Legge 109/96. Le attività di questi campi si articolano in momenti di lavoro agricolo o di risistemazione del bene, di formazione e studio su mafia e antimafia, in incontri con le comunità locali per socializzare e condividere esperienze. Al di là dell'aiuto pratico fornito nei momenti di lavoro vero e proprio, un campo della legalità è soprattutto un'occasione per testimoniare solidarietà e sostegno a chi col suo impegno si adopera per il riscatto sociale e civile dalle mafie. Un impegno di certo non facile, che presenta spesso non poche difficoltà: ricordiamo come solo pochi giorni fa, nella notte tra il 26 e il 27 aprile, una di queste cooperative, la Valle del Marro della piana di Gioia Tauro in Calabria, sia stata oggetto di sfregi, danneggiamenti e furti di materiale.

Il programma completo dei campi della legalità con sedi e date è disponibile sul sito di Libera. Per iscrizioni e info si può contattare l'associazione per telefono (06-69770326) o via e-mail (organizzazione@libera.it).