Seguimi su Twitter | Facebook | Scrivimi una E-Mail | Iscriviti al Feed RSS

La nota sul Consiglio Regionale.

di Patrizio Brusasco

L’ultima seduta consiliare si è rivelata ricca di contenuti e proficua per la comunanza d’intenti, cosa piuttosto rara di questi tempi, tra maggioranza e opposizione. Nella prima parte del Consiglio, che si è tenuto in forma aperta per volontà dell’ufficio di presidenza, si è celebrata la dodicesima Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime della mafia cui hanno fatto da corollario i molti interventi, soppesati e ben ponderati, dei consiglieri, tutti ispirati a un comune sentire di fronte alla minaccia mafiosa. Forse un po’ troppa retorica e poca azione concreta, come ha ribadito qualcuno, ma a livello di principio una comune levata di scudi contro una problematica ben radicata nel nostro territorio, il cui danno sociale è ben noto a tutti. Del resto le azioni incisive in questa complessa materia non si possono certo prendere solo a livello regionale.

Il pomeriggio consiliare ha visto invece la votazione del Disegno di legge della Giunta regionale n. 372, presentato dall’Assessore Gianni Oliva il 4 Dicembre scorso, licenziato in commissione, e approdato in aula per il voto finale. Tema del DDL 372: "Celebrazioni per il centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia", che mantiene anche la dicitura abbreviata di "Italia 150". Un voto che, anche in questo caso, si è dimostrato bipartisan. Unica criticità quella relativa al controllo del Comitato predisposto per l’organizzazione delle celebrazioni del 2011 affinché non rischi di diventare, come ha paventato l’opposizione e pur avendo fatto parte anch’essa del consiglio d’amministrazione del Comitato olimpico, un Toroc 2, con tutte le polemiche e gli strascichi che hanno seguito i Giochi olimpici invernali di Torino 2006.

 



Mariano Turigliatto © 2010 | www.marianoturigliatto.it | Powered by OneBit